Statistiche internazionali

Il turismo nel mondo nel 2013

L’Organizzazione mondiale del turismo (UNWTO) ha stimato che i fatturati delle destinazioni internazionali generati dai turisti internazionali che hanno speso per dormire, mangiare, divertirsi, acquistare nei negozi e acquistare altri servizi e merci, ha raggiunto la cifra di 1159 miliardi di dollari (873 miliardi di euro) nel 2013.
Statistiche

L’incoming in Italia nel 2015

Il turismo internazionale in Italia cresce ma il Sud resta al palo con esclusione della Sicilia
Petizione SOLIDUS

Petizione per Ministero del Turismo con portafoglio

SOLIDUS lancia una Petizione per istituire il Ministero del Turismo con portafoglio assorbendo anche le deleghe del Ministero della Cultura
Marketing turistico

La Regione Molise. Ospitalità genuina

AIRA ha organizzato il proprio semestrale 2014 a Campobasso, nel Molise. Nell’occasione, ha organizzato una tavola rotonda sul tema: Molise. Il turismo è qui. Renato Andreoletti, direttore di Hotel Domani, ha moderato il dibattito cui hanno partecipato come relatori Domenico Di Nunzio, Assessore al Turismo della Regione Molise e Luciano Manunta, presidente nazionale AIRA
Inchiesta di Hotel Domani

In Albergo l’ottimismo è d’obbligo…

Gli 87 albergatori italiani che hanno partecipato all’inchiesta di Hotel Domani sono ottimisti sull’andamento del turismo in Italia, hanno le idee chiare sull’importanza sia dello staff che della qualità della struttura, sono molto scettici sulla qualità dell’amministrazione pubblica e del Fisco, non si aspettano alcun aiuto dallo Stato e temono la minaccia del terrorismo internazionale
I Rifugi Alpini

Per passione. Solo per passione

I rifugi alpini d’alta quota sono nati per un turismo elitario e avventuroso, si sono evoluti per rispondere alle esigenze di un turismo di montagna fatto da una massa di alpinisti sempre più cittadini nelle abitudini dove l’elemento femminile, una volta del tutto marginale, oggi è diventato protagonista anche in montagna. Diventati sempre più simili ad albergatori d’alta quota, i rifugisti mantengono quell’alone di romanticismo che solo giustifica un’attività colma soprattutto di sacrifici