Enit: sviluppare e promuovere il turismo costiero e marittimo

D_Turismo costieroOltre 8 milioni di turisti stranieri (pari al 17% del totale) che visitano l’Italia, scelgono le destinazioni marine per le loro vacanze con una spesa che, nel 2013, ha registrato 3.586 milioni di euro, secondo le ultime rilevazioni della Banca d’Italia.”
Lo ha reso noto il Commissario Straordinario dell’ENIT, Cristiano Radaelli, in un suo intervento alla 1° Conferenza Nazionale sul Turismo costiero e Marittimo a Favignana. “L’industria balneare e nautica è uno degli assi portanti del sistema turistico italiano e” ha ricordato Radaelli “l’Unione europea, nel febbraio di quest’anno, ha individuato proprio nel turismo costiero e marittimo uno dei motori fondamentali della creazione di crescita e di occupazione e il perno dell’economia di molte regioni costiere, in particolare nel sud Italia.”
Il Commissario Straordinario dell’ENIT ha sottolineato “la necessità di un intervento efficace, finalizzato ad incentivare un’offerta che riesca a destagionalizzare i flussi turistici nelle località balneari, andando a incidere su target di clientela specifici (anziani, disabili, appassionati di sport acquatici, ecc.), valorizzando anche l’enorme patrimonio artistico e culturale delle zone costiere italiane.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here