Federalberghi: il turismo tiene grazie all’incoming, in calo il mercato interno

Nel 2013 il turismo in Italia ha tenuto grazie agli stranieri, registrando un +0,27% di presenze complessive  (italiani-2,9%, stranieri +3,7%). Fatturazione ed occupazione sono comunque in calo. È quanto emerge dai dati consuntivi relativi al sistema turistico-alberghiero 2013 analizzati da Federalberghi.
“Un mese di dicembre trainato dalla crescita della domanda internazionale ha consentito al comparto di chiudere il 2013 con un risultato di sostanziale equilibrio nel numero dei pernottamenti, che tuttavia non arresta la flessione dei fatturati delle imprese ricettive e l’inevitabile calo degli occupati”. È il commento del Presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca.
Al buon risultato della clientela straniera” sottolinea Bocca “ormai prossima ad equiparare il numero dei turisti nazionali, si contrappone il costante calo della clientela interna che rispecchia la grave crisi economica nella quale il Paese continua a dibattersi.
“La crescita della clientela straniera” prosegue Bocca “testimonia lo sforzo che le imprese stanno compiendo. Abbiamo sicuramente uno dei poli turistici di eccellenza tra i più attrattivi del mondo, per giunta dotato di un sistema ricettivo capace di soddisfare tutte le esigenze, con una gamma di soluzioni adeguate ai gusti ed alla capacità di spesa di chiunque scelga l’Italia per un proprio soggiorno”.
Cosa occorre fare adesso per rilanciare anche la domanda interna? “Dal raffreddamento dello spread, dalla stabilizzazione dei mercati finanziari e dal contenimento del tasso d’inflazione ci auguriamo che nascano le condizioni per ridare liquidità alle famiglie e dunque nuovo vigore ai consumi turistici, ridimensionando il drammatico numero di quei 32 milioni di connazionali che solo per le festività natalizie si sono dichiarati in ‘povertà turistica’ non potendosi permettere nemmeno una notte fuori casa” conclude il Presidente degli albergatori.


1 commento

  1. Approvo quanto detto dal Presidente .
    La situazione e’ ancora più drammatica se pensiamo che stiamo lavorando per pagare solo le tasse e imposte richieste.
    Delle condizioni serie per ridare a noi un po’ di ossigeno quando arriveranno?
    Una buona giornata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here