Federalberghi: segnali di ripartenza per settore grazie a Expo

Expo“L’Expo di Milano può offrire una spinta importante per la ripartenza del settore e la prima risposta ci arriva dai circa 9 milioni di italiani che al momento hanno già deciso di visitarla nei sei mesi di durata dell’Esposizione Universale”. È quanto ha dichiarato il Presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, ai dati emersi da un’indagine realizzata dalla Federazione.
“Inoltre dei 9 milioni di connazionali al momento ben 2,6 milioni hanno deciso che pernotteranno a Milano o in aree limitrofe (scegliendo nel 37% dei casi l’albergo quale struttura ricettiva), altri 3,9 milioni effettueranno una visita in giornata e 2,3 milioni, pur sicuri di esserci, sono ancora indecisi se soggiorneranno o meno. Numeri che evidenziano l’importanza per il nostro Paese di eventi di portata come questo; un Paese che ha bisogno di farsi conoscere ed apprezzare per quanto di buono sa e vuole fare”.
“Per quanto infine riguarda le previsioni turistiche del ‘ponte’ del 1° maggio” aggiunge Bocca “esse mostrano un segnale positivo con quasi 6 milioni di italiani che approfitteranno dell’occasione, scegliendo l’Italia nel 93% dei casi.
“Di questa mole di persone ben 190 mila approfitteranno dei tre giorni del ‘ponte’ per visitare l’Expo, a dimostrazione che l’evento vuole essere oggetto esclusivo ed approfondito di un viaggio a Milano, senza inserirlo in un tour vacanziero con più tappe.
“Ci auguriamo quindi che numeri così significativi” conclude Bocca “diano al settore quella scossa che da tempo andiamo auspicando e sollecitino il mondo politico e governativo a fare quelle scelte urgenti che da sempre abbiamo indicato: promozione, diminuzione della pressione fiscale e misure a favore dell’occupazione”.

Italiani all’Expo
L’indagine è stata effettuata dall’Istituto ACS Marketing Solutions dal 20 al 24 aprile  intervistando con il sistema C.A.T.I. un campione di 3.001 italiani maggiorenni rappresentativo di oltre 50 milioni di connazionali maggiorenni.
Sono quasi 9 milioni gli italiani che al momento hanno già deciso di visitare l’Expo a Milano.
Di questi 3,9 milioni effettueranno una visita in giornata.
Altri 2,3 milioni non hanno ancora deciso se pernotteranno o meno.
E ben 2,6 milioni si fermeranno uno o più giorni pernottando.
Tra quanti pernotteranno il 37% sceglierà la struttura alberghiera, il 28% andrà a casa di parenti o amici, il 15% in B&B, il 5% in una seconda casa ed il 2,6% in residence.

Ponte del 1° maggio
I dati del ‘ponte’ del 1° maggio di quest’anno sono incomparabili con quelli dell’anno scorso in quanto la festività si fuse con il ponte del 25 aprile.
Saranno circa 6 milioni gli italiani (tra maggiorenni e minorenni) che effettueranno una vacanza approfittando del ponte del 1° maggio. Di questi il 93% resterà in Italia.
Le località privilegiate saranno quelle marine (43% dei viaggiatori), le citta d’arte maggiori e minori (26%), le località montane (16%), quelle lacuali (4%) e del benessere/terme (3%).
La durata media della vacanza sarà di 2,6 giorni.
Il giro d’affari prodotto si aggirerà sull’1,7 miliardi di euro, per una spesa media a persona di 290 euro.
All’Expo si recheranno per i tre giorni del ‘ponte’ in 190 mila persone per un ottimo avvio dell’Esposizione Universale che nei primi giorni potrebbe far registrare il pienone.

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here