Il 2015. L’anno che verrà…

Il 2015 può essere l’anno in cui l’Italia scoprirà finalmente l’importanza del fenomeno turistico per il suo presente oltre che per il suo futuro.
A maggio apre EXPO a Milano. Non è un evento milanese, è un evento italiano.
In realtà, è un evento europeo e lo capiremo solo a fine ottobre quando EXPO sarà esplosa letteralmente nelle mani dei suoi mediocri organizzatori.
EXPO parla al mondo, parla al futuro.
Per ora, pare che solo papa Bergoglio lo abbia compreso.
Non si tratta solo di battere la fame nel mondo, si tratta di discutere di nuovi stili di vita che rendano più gradevole ma anche più responsabile e solidale stare al mondo.
E’ stata la confusa utopia in cui abbiamo creduto quarant’anni fa, quando il mondo era spaccato in due, può essere la nuova utopia universale capace di salvare l’intero pianeta dalle ideologie dell’indifferenza o dell’odio ideologico che ci minacciano.
Speriamo che lo capiscano anche i duri di cervello: la gran parte della classe politica italiana ma anche dell’opinione pubblica italiana. In realtà è un problema universale, globale.
Che la soluzione inizi in Italia non sarebbe poi così strano: siamo o no il Paese del Rinascimento?
Nell’immediato, si tratta di dar vita finalmente a un’industria seria e certificata dell’accoglienza, dell’ospitalità, dello stile di vita, dell’intrattenimento, dell’enogastronomia.
Si tratta di promuovere l’Italia nel mondo con maggiore consapevolezza e di essere maggiormente consapevoli che conservare e promuovere il nostro patrimonio culturale, monumentale, naturale è la più bella delle utopie soprattutto perché può renderci migliori, non solo più ricchi.
Abbiamo un intero Paese da salvare da se stesso, dalla frustrazione di una crisi economica infinita, di una corruzione dilagante, di un Meridione così bello quanto rassegnato.
Ci vuole uno scatto di orgoglio, di amore per la propria storia, per un destino che è nelle nostre mani e solo nelle nostre mani.
Voi che cosa ne pensate?

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here