Il turismo piemontese a portata di click

È nato BookingPiemonte.it, il portale turistico della regione in otto lingue (italiano, inglese, francese, tedesco, russo, portoghese, cinese e giapponese) che rappresenta una novità nel panorama del web sotto vari aspetti:

  • è il primo ad avere alle spalle un marchio istituzionale come “Regione Piemonte”, garanzia di serietà, autenticità e affidabilità unica per gli utenti, che potranno interagire con il sistema lasciando i propri commenti e le proprie recensioni;
  • è l’unico portale italiano che permette di abbinare direttamente all’acquisto della camera un intero carrello di prodotti: dallo skipass al biglietto per un grande concerto, un museo, una mostra o un grande evento (è sincronizzato con i principali siti di vendita dei servizi turistici come Best Union Company, Ticketone e Listicket). Offre, perfino, la stampa dell’album ricordo delle foto più belle della propria vacanza e in generale tutta l’offerta turistica del territorio, compresi pacchetti turistici preconfezionati o personalizzati da costruire su misura.
  • è un potente strumento di promozione, perché fa capo allo stesso Ente che definisce le strategie turistiche del territorio, quindi ogni iniziativa sarà subito online, acquistabile in tempo reale.

Il portale è anche una innovativa forma di autofinanziamento del sistema turistico locale: è a costo zero per l’Ente pubblico (creazione, gestione e promozione della piattaforma sono a carico del gestore privato e interamente coperte dalle commissioni applicate all’utente) e su ogni prenotazione 50 centesimi andranno alla Regione Piemonte, che avrà quindi una importante fonte di risorse da reinvestire sul proprio sistema turistico.

BookingPiemonte.it offre una maggiore convenienza rispetto ai portali di prenotazione tradizionali grazie a costi di commissione inferiori (10% contro il 15-18% medio dei concorrenti che può arrivare fino al 28-30%). Ad oggi sono 250 le strutture ricettive che hanno aderito all’iniziativa. “L’obiettivo è di acquisirne circa 60 al mese per arrivare a un migliaio di strutture entro la fine del primo anno, con una crescita fino a 1500 nell’arco dei prossimi cinque” sottolinea il presidente di Turismo Piemonte, Luigi Barbero “Come start up per il 2014 si prevede la vendita di 30mila pernottamenti, da portare a 45mila nel 2015, oltre a 2mila pacchetti al prezzo medio di 230-300 euro l’uno, che puntiamo a raddoppiare nell’anno successivo arrivando fino a 4mila”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here