I gioielli dell’hospitality scelgono Simmons

Non sono solo le catene internazionali ad affidarsi al brand leader nel bedding. Il Direttore Commerciale Italia della Divisione Hotel Andrea Campaner ci racconta le più recenti partnership con alcune perle dell’ospitalità italiana. Nel nome del riposo d’eccellenza

Dimmi chi ti sceglie, e ti dirò chi sei. La variazione sul celebre tema filosofico di Feuerbach è l’unica in grado di raccontare nello spazio di una frase il prestigio e il primato incontestato nel settore bedding di Simmons, da sempre l’esperto del sonno per eccellenza e scelto, per l’appunto, dalle più importanti catene alberghiere internazionali.

Ma non solo: le soluzioni di Simmons sono scelte anche dai “gioiellini” della ricettività, quelle che rendono unico il nostro Paese. Dalle piccole ed esclusive dimore storiche ai boutique hotel di design, che puntano sul comfort del riposo unico e sulla qualità interamente made in Italy dei sistemi letto proposti dall’azienda, realizzati su misura delle esigenze del mondo hospitality.

 

 

“È proprio così – ci conferma Andrea Campaner, Direttore Commerciale Italia della Divisione Hotel di Simmons –. Tra le ultime aperture con letti firmati Simmons troviamo non soltanto gli hotel delle grandi catene ma anche country boutique hotel esclusivi come lo Zash, nato dalla ristrutturazione di un antico palmento, immerso nel verde del parco dell’Etna con piscina, ristorante stellato, Spa ed helipad. Oppure, per citarne uno in città, il Matilde Boutique Hotel, recente realizzazione nel pieno centro di Milano, capace di regalare un comfort davvero unico agli ospiti nelle sue 25 camere impreziosite dalle nostre soluzioni letto”.

A chiudere il terzetto dei piccoli scrigni della ricettività di alto livello, arriva il Filario, “un altro nostro partner d’eccellenza – osserva Campaner – che si affaccia sull’incanto del lago di Como: con la sua architettura moderna ricoperta dal verde lussureggiante della vegetazione, si inserisce perfettamente nel territorio ma con aspetti inediti, con una spiaggia privata unica nel suo genere, una piscina a sfioro con vista su Villa del Balbianello, lussuosi comfort e camere ispirate alla natura, vestite da tessuti caldi e colori che richiamano la pietra, l’acqua e il legno”.

E poi c’è il futuro prossimo, che per Simmons promette altre soddisfazioni e partnership che ne confermano la primazia nel settore del buon riposo: “A ottobre aprirà Il Tornabuoni, 5 stelle nel cuore di Firenze disegnato dall’interior designer Andrea Auletta, dotato di 63 camere e con le camere proposte in armonie di colori diversi su ogni piano: arancio, pavone, grigio e senape conferiranno una nota di personalità a ogni camera”. Insieme, naturalmente, ai letti di Simmons, prima a creare letti custom made per soddisfare le esigenze di ogni hotel e dei loro ospiti. Qualunque sia la destinazione, in pieno relax.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here