Automazione e IoT, i migliori alleati dell’ospitalità in sicurezza

In un momento in cui le strutture ricettive devono garantire la massima sicurezza con il distanziamento sociale e altri accorgimenti di carattere igienico, l’automazione e l’IoT (Internet of Things) si rivelano dei perfetti alleati perché consentono agli operatori del mondo hospitality di tutelare la salute degli ospiti e di farli sentire al sicuro.

In sintesi, grazie alle soluzioni tecnologiche oggi disponibili è possibile:

  • evitare assembramenti in reception durante le fasi di check-in e di check-out
  • ridurre le superfici ad alto contatto
    (telecomando, telefono, termostato, interruttori, chiavi)
  • incentivare il servizio in camera
  • gestire il controllo accessi.

“Mai come in questo momento, la tecnologia e l’automazione sono al servizio delle persone, per agevolare l’operatività dei lavoratori e incontrare il gradimento degli ospiti”, sottolinea Piercarlo Gramaglia, CEO di VDA Group, azienda italiana leader nel settore della domotica per hotel, con sedi in Europa, Medio Oriente e Asia Pacific.

Check-in e check-out

Innanzitutto per evitare l’assembramento è fondamentale gestire al meglio check-in e check-out. L’arrivo degli ospiti è una delle fasi più delicate perché quel luogo deve essere percepito come posto sicuro e accogliente, è importante quindi adottare tutte le misure necessarie per mappare lo stato di salute degli ospiti. All’esterno sarà possibile l’utilizzo di Termo-telecamere per rilevare la temperatura corporea che non dovrà superare i parametri di sicurezza, mentre all’ingresso si dovrà evitare il classico assembramento alla reception. La soluzione migliore viene dalle App che, previa registrazione, consentono l’accesso in camera tramite il proprio dispositivo mobile.

In alternativa c’è il Self Check-in (Totem), dove l’ospite può registrarsi e ritirare la chiave RFID per accedere alla camera, evitando code alla reception.

Vantaggi della domotica in camera

Una volta entrati in camera, la domotica può essere di supporto per limitare il contatto con dispositivi e interruttori considerati a rischio. Un sensore di movimento, per esempio, può rilevare la presenza/assenza dell’ospite all’interno della stanza e abilitare/disabilitare i servizi in camera.
In alternativa al sensore volumetrico è possibile simulare la presenza dell’ospite in maniera definitiva così da abilitare tutti i servizi in camera fino al check-out.

Interactive Tv

Anche il sistema di interazione tra albergatore e ospite dovrà cambiare, trovando delle alternative innovative a quelle tradizionali: contatto diretto (reception) o telefonico. Un sistema di Interactive Tv consente all’albergatore di comunicare con l’ospite in maniera diretta e di condividere informazioni riguardo ciò che viene fatto in termini di sanificazione e, a sua volta, permette al cliente di prenotare i servizi offerti dalla struttura, ordinare il servizio in camera e fare il check-out direttamente dalla propria stanza.

Per garantire sicurezza in più

Altrettanto importante è individuare tutti quei punti definiti “superfici ad alto contatto” che devono essere messi in sicurezza ogni volta che arriva un ospite nuovo. Le soluzioni proposte per minimizzare i rischi e trasmettere un maggiore senso di sicurezza e igiene sono basate su pellicole monouso per telecomandi, interruttori e per dispositivi di controllo in generale. Anche l’interazione con l’assistente vocale può essere una soluzione per evitare il contatto con dispositivi ad alto rischio. Tale integrazione infatti permette di attivare le funzioni di camera tramite integrazione vocale e di far interagire tra loro tutti i dispositivi presenti nella stanza.

L’obiettivo è trovare misure che aiutino gli hotel a ripartire, fornendo soluzioni tecnologiche che diano risposte adeguate in tempi brevissimi”, sottolinea Piercarlo Gramaglia. “Noi come VDA avvertiamo il peso della responsabilità in un momento come questo e facciamo come sempre del nostro meglio per supportare il settore alberghiero”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here