DECRETO RISTORI

Federalberghi: contributi a fondo perduto anche per hotel e terme

In queste ore il Governo sta mettendo a punto il cosiddetto Decreto Ristori preannunciato dal Presidente del Consiglio. Una serie di misure in aiuto di imprenditori e lavoratori danneggiati dalle nuove restrizioni introdotte con l’ultimo Dpcm. Si parla di un ammontare complessivo pari a 4,5 miliardi di euro.

Da quanto si legge sui media, oltre a bar e ristoranti, nella lista delle categorie che avrebbero diritto agli aiuti sarebbero stati aggiunti gli attori, le biglietterie esterne, le società di noleggio per gli eventi, con buona probabilità anche i tassisti. Settori che non sono ufficialmente coinvolti nel blocco delle attività, ma che di fatto è come se lo fossero perché ne subiscono pesantemente le conseguenze. Proprio come accade per le strutture ricettive del resto, che però al momento risulterebbero escluse dal provvedimento.

 

 

Le richieste di Federalberghi

Gli albergatori sono con il fiato sospeso – ha dichiarato Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi -. Comprendiamo le sofferenze e il grido di dolore lanciato dalle altre componenti della filiera turistica, con le quali condividiamo un’amara sorte. Ma non potremmo comprendere un trattamento discriminatorio che finirebbe con il penalizzare la categoria che più di tutte ha subito le conseguenze dei provvedimenti restrittivi, che hanno via via ristretto tutti i flussi turistici, con blocchi alle frontiere, viaggi sconsigliati, trasporti pubblici ridotti, eventi annullati e chi più ne ha più ne metta.”

“Sia pur in assenza di un ordine di chiusura – denuncia Bocca -, ci sono alberghi fermi dal mese di marzo. E molti di coloro che a giugno o a settembre hanno provato a riaprire si sono dovuti arrendere. Ci auguriamo pertanto che le indiscrezioni circolate ieri sera risultino infondate e chiediamo che il Consiglio dei ministri includa a pieno titolo le imprese turistico ricettive e termali tra i destinatari del contributo a fondo perduto.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here