Venezia: gondole elettriche contro le restrizioni imposte dal covid

L’idea è stata lanciata da Arrigo Cipriani, patron dell’Harry’s Bar di Venezia, per ovviare al taglio delle corse e al numero chiuso nei vaporetti imposto a causa del Covid-19. La proposta di Cipriani in sostanza sarebbe far circolare nei canali della splendida città lagunare, che tutto il mondo conosce e ci invidia, delle gondole dotate di motorini elettrici.

“Una volta c’erano 13 traghetti che consentivano alle persone di muoversi a piedi – ha dichiarato Cipriani al Gazzettino, riportata in una notizia Ansa -, ripristinandoli la città diventerebbe percorribile diventando larga pochi metri”. Il ristoratore, emblema di Venezia nel mondo, spiega la sua idea: “Mettiamo la stessa gondola a due prue che si usa nei traghetti, così non serve che giri in mezzo al canale e basta farla andare dritta”.

Secondo Arrigo Cipriani quindi sarebbe molto vantaggioso Istituire un servizio che fa la spola tra le rive del Canal Grande con gondole elettiche, facilmente manovrabili, poco ingombranti e comunque ecosostenibili, che potrebbero circolare in numero maggiore degli attuali traghetti.

“se applichiamo uno o due motorini elettrici di pochi cavalli con un’elica rotante come un fuoribordo – spiega Cipriani -, quindi che sia possibile in caso spostarlo, basta una persona che con un comando la manovri”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here