Influencer marketing, istruzioni d’uso per una strategia vincente

Il libro Professione Influencer, edito da Tecniche NuoveTutti ne parlano, ma chi sono i veri influencer? Come sceglierli e pianificare una strategia efficace?
Il libro Professione Influencer di Lino Garbellini – edito da Tecniche Nuove – spiega le dinamiche di un fenomeno dilagante, svelando i trucchi del mestiere e fornendo consigli alle aziende che puntano a rafforzare la brand awareness per incrementare il business.

In particolare – in una lunga intervista a Luca Caputo, consulente e formatore – il volume entra nel vivo delle esigenze peculiari del settore turistico-ricettivo, con suggerimenti pratici su come promuoversi online.

Luca CaputoLuca Caputo è Digital coach per attori pubblici e privati, che operano nel turismo, sui temi del marketing e della comunicazione, ha incarichi di docenza e progettazione all’interno di UniSalento. Ha fatto parte del TDLab istituito presso il MiBact ed è attualmente componente dell’Advisory Board sul Turismo Digitale di Bit Milano.

la parola al consulente e formatore turistico

Luca, spesso si rivelano validi i micro-influencer legati a temi specifici, ci spieghi?
A mio parere i migliori tipi di micro-influencer sono i fan del tuo marchio: quando promuovono prodotti o servizi, sono più affidabili perché i loro follower sanno o percepiscono che amano i tuoi prodotti. Inoltre, in questi casi non bisogna fare troppa fatica per convincere queste persone a diventare i tuoi sostenitori. Di seguito alcuni consigli

  • Cominciare la ricerca tra i follower del proprio account aziendale. Scegliere i micro-influencer che conoscono l’azienda e sono abituati ad acquistarne i prodotti/servizi è la migliore tattica.
  • Usare gli hashtag. Le persone usano gli hashtag per facilitare la ricerca, un aspetto conosciuto da tutti, ma spesso sottovalutato. Per rendere la ricerca più efficace, consiglio di restringere i parametri, per esempio usare #vegetarianfood invece di un più generico #food se è il caso di vendita di prodotti vegetariani.
  • Cercare influencer locali.
  • Automatizzare la ricerca dei personaggi richiesti. Svolgere ricerche manuali può richiedere molto tempo. Strumenti come BuzzSumo, Klear e Ninja Outreach facilitano la prima fase e lasciano ai professionisti del marketing una lista già pronta di possibili micro-influencer.

Che tipo di parametri e metriche utilizzi per misurare la validità di un progetto nel tuo ambito, il travel?
Il ritorno sull’investimento è più o meno facile da misurare a seconda del canale su cui è attivo l’influencer e anche in base agli obiettivi della strategia. Alcuni indici significativi:

  • Percentuale di clic, ovvero la percentuale di clic dalla call to action del post dell’influencer.
  • Movimento degli abbonati / follower, valutare se c’è stato un aumento di abbonati/follower per i propri canali social diverso dalla crescita abituale.
  • Condivisioni, quante volte è stato distribuito un video o un post.
  • Visualizzazioni.
  • Coinvolgimento, quanti Like, commenti e condivisioni ha realizzato complessivamente il contenuto dell’influencer… (segue l’elenco nel testo integrale)

Compila il form per accedere all’intervista integrale



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here