Vacanza in montagna tra relax e entertainment

Leggi anche

L’architettura tradizionale dello Chalet Il Gufo, a Cervinia, cela un’anima che invece va molto oltre la tradizione: la volontà della committenza di realizzare una struttura con l’atmosfera di una residenza privata, con ambienti curati fino al minimo dettaglio e uno stile coerente e pieno di personalità, ha trovato due partner ideali nello Studio Bettiol Architecture e in Concreta. L’interior contractor, su concept e disegno dello studio, si è occupato della realizzazione della struttura e il risultato è un lussuoso chalet situato in una raffinata località montana che offre ai suoi ospiti aree di entertainment, come la gaming room, e zone per il relax, con la spa e la piscina.

Gioco nella gaming room o relax nella spa?

Al piano interrato dello chalet, che si sviluppa su quattro livelli, c’è la piscina interna con la spa che comprende doccia emozionale e bagno turco; quest’area è separata dagli altri ambienti da una porta a vetri. Di fronte alla spa c’è una terrazza esterna che accoglie una ulteriore zona lounge a fianco della pista da sci con vista sul Cervino: qui la vasca idromassaggio e l’area relax con braciere creano uno spazio intimo e scenografico. Si cambia completamente mood restando al piano interrato ma spostandosi nella zona cinema e nella gaming room, dotata di area bar e bagno di servizio, che ‘gioca’ con l’ospite anche nei dettagli, come nella porta nascosta, realizzata come un vecchio poster pubblicitario. Allo stesso livello c’è la ski room per il deposito sci con accesso diretto dalla pista, che si caratterizza per la presenza di armadi a tutta parete e una panca in legno carbon grey posizionata al centro della stanza.

Il calore del fuoco, il suono del ruscello

Fin dal suo ingresso nella struttura l’ospite dello chalet si trova in un ambiente caldo dall’atmosfera cozy nel quale ogni dettaglio è curato nei minimi particolari, dalla scelta degli arredi ai complementi d’arredo e alle finiture. Il piano terra è destinato agli ambienti conviviali ed è in comunicazione con una zona esterna nella quale è presente un salottino; un luogo poetico e riservato per poter godere della bellezza del bosco che circonda la proprietà con il sottofondo dell’acqua del ruscello che scorre nelle vicinanze. L’area living è suddivisa in una zona soggiorno e una zona dining. La centralità del camino crea atmosfera e rende l’ambiente caldo e accogliente mentre l’area del pranzo e della cena ospita un grande tavolo valorizzato da un sistema di illuminazione a sospensione che aggiunge un elemento di grande carattere all’ambiente. In cucina c’è un’isola studiata nei minimi particolari; i pensili sono realizzati con una laccatura ad hoc, mentre le pareti sono ricoperte da piastrelle decorative che ricordano lo stile italiano d’antan.

Affacciarsi sul living

Al primo piano dello chalet ci sono quattro camere destinate agli ospiti della struttura e un soppalco aperto sul soggiorno sottostante. Quest’ultimo è adibito ad area lounge, dove l’area bar è accompagnata da una zona salotto con sedute e tavoli in legno. Il parapetto vetrato illumina il soppalco e permette di affacciarsi all’area living sottostante.
Le camere degli ospiti sono 4, tutte doppie e con bagno privato; due sono camere matrimoniali e due con letti singoli. Non esiste omologazione: proprio per rispettare l’idea di una residenza privata ogni camera è completamente diversa dall’altra per layout, materiali e sensazioni che trasmette.

Una finestra sul Cervino

Lo sbarco del pianerottolo all’ultimo livello è un momento molto scenografico: si arriva infatti di fronte a un’alcova, ricavata in una nicchia di legno, con una finestra che permette non solo di far entrare la luce dall’esterno, ma di godere della vista spettacolare sul Cervino. Qui all’ultimo piano dello chalet ci sono la camera padronale e la camera dei bambini, impreziosite dal sottotetto in legno a vista che offre un’altezza unica. Nella master bedroom c’è un interessante mix di rivestimenti delle pareti, dove il legno fa da cornice alla imponente parete testa letto rivestita con un’imbottitura a tutta altezza. La cabina armadio comunica tramite un vetro satinato col bagno padronale, che fornisce luce naturale anche in questa zona, e il bagno privato con note classiche e retrò con vasca e doccia.
Nella camera dei ragazzi torna il tema del gioco: la stanza è stata studiata per esser multidimensionale all’insegna dello svago e oltre ai letti a castello è possibile giocare su una parete attrezzata per l’arrampicata e arrivare a una tana segreta soppalcata sopra l’ingresso della camera.

Vacanza in montagna tra relax e entertainment - Ultima modifica: 2024-05-15T08:04:41+02:00 da Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

HD – Single Template - Ultima modifica: 2021-09-24T15:19:00+02:00 da Redazione Digital Farm
css.php