Rubinetti serie Profilo, una nuova geometria per l’acqua

Presentata al Cersaie 2018, disegnata da Giampiero Castagnoli, la nuova linea Profilo di Cristina rubinetterie costituisce una proposta attuale, completa e articolata, il cui fil rouge è la particolare sezione triangolare che accomuna i miscelatori da piano per lavabo e quelli a parete per vasca.

Altri dettagli progettuali degni di nota sono la bocca di erogazione dell’acqua, rettangolare e sottile, e l’altrettanto affusolata leva di azionamento comando per una presa ergonomica. Questi particolari evidenziano la forte attenzione che da sempre l’azienda rivolge al consumatore, studiando le abitudini di vita quotidiane per elaborare soluzioni esteticamente innovative, pratiche e funzionali.

Grazie alla sua versatilità, Profilo si presta a essere inserita in qualsiasi contesto, soddisfacendo pienamente le aspettative di chi desidera un prodotto di alta qualità, Made in Italy e con un appeal fresco e moderno. La collezione è disponibile nelle finiture cromato, oro rosa lucido e spazzolato, cromo nero lucido e spazzolato, metallic lucido e spazzolato.

Prodotti all’avanguardia Made in Italy

La nuova linea si aggiunge al lungo elenco di proposte Cristina rubinetterie dallo stile contemporaneo, particolarmente indicate per le strutture ricettive che si caratterizzano per la scelta di un ambiente di design. La tecnologia d’avanguardia garantisce un prodotto semplice e funzionale, dove rigore ed ergonomia si concretizzano in forme pulite che non temono il trascorrere del tempo.

La grande considerazione verso il tema della sostenibilità ambientale caratterizza tutti i prodotti del brand, che vengono realizzati con materiali rispondenti a severi standard internazionali e sono dotati di tecnologie mirate alla riduzione del consumo di acqua.

L’offerta di Cristina rubinetterie, ampia e diversificata per il settore sia privato sia Contract, si distingue anche per la produzione interamente Made in Italy. L’azienda conta infatti ben quattro stabilimenti, tutti ubicati nell’alto novarese, e in aperta controtendenza rispetto al mercato globale ha scelto di non delocalizzare, ma di mantenere internamente l’intero ciclo produttivo garantendo così la massima qualità dei propri prodotti.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here