L’innovativa pergola di Pratic: si scrive Connect, si legge emozione

La verità è che non esiste una sola tecnologia. Ce ne sono almeno due. C’è quella capace, sì, di migliorare le nostre vite, ma a prezzo di rendere freddo il gesto, il momento, l’esperienza. Allontanandoci dal naturale perfettibile per proiettarci nell’ideale, ma a prezzo dell’anima. E poi c’è una tecnologia pensata e realizzata per fare l’opposto: per moltiplicare le sensazioni, per portare ancor più intensamente a contatto con l’emozione. Ne dà prova – una volta di più – l’ultima soluzione per l’outdoor di Pratic, azienda friulana nata nel 1960, oggi leader internazionale nella progettazione di pergole bioclimatiche e tende di design. La nuova creazione si chiama Connect, rivelando fin dal suo nome una duplicità di intenti e di funzioni: connettersi profondamente con il paesaggio e la natura lì fuori, e contemporaneamente immergersi nella privacy più naturale che esista. Nello stesso spazio e nello stesso momento.

La rivoluzione? Si fa outdoor

La nuova pergola bioclimatica non vuole essere una semplice novità, ma un’autentica rivoluzione dell’architettura open air. Un progetto ambizioso ma che sembra alla portata di Connect, concepita applicando il design ai nuovi bisogni di vivere e lavorare in spazi esterni versatili e protetti. Co-protagonista di Connect è il paesaggio che la circonda e che si riflette costantemente sulle superfici specchiate della pergola, facendo letteralmente fondere quest’ultima con il contesto. Ideata nell’anno del sessantesimo anniversario di Pratic, Connect porta le straordinarie qualità progettuali dell’azienda friulana verso una nuova concezione dell’outdoor. Estetica raffinata, sostenibilità di produzione e materiali, comfort bioclimatico e massima personalizzazione si abbinano a una struttura avanzata che cancella definitivamente i confini tra interno ed esterno, riposizionando l’individuo al centro della natura, attraverso design e tecnologia.

Un caleidoscopio privato

E se di specchi se ne erano già visti, nei progetti outdoor, la novità assoluta sta nel fatto che la struttura specchiata è il tratto marcato che definisce Connect: sì, perché per la prima volta le vetrate Spy Glass entrano nel design delle pergole trasformandole, all’esterno, in poligoni che riproducono in diretta forme, colori e movimenti che “accadono” nel corso della giornata, in una sorta di caleidoscopio d’autore che lascia l’interno, invece, al dominio della piacevolezza di uno spazio privato e immerso nella natura, non accessibile allo sguardo proveniente da fuori e per questo adatto a impieghi versatili che rompono per sempre le regole del lifestyle.

Tecnologia “sensoriale”: dai comandi vocali ai sensori meteo

La connessione della nuova creazione di Pratic passa anche dall’hi-tech: il comfort e l’innovazione tecnologica che ne contraddistinguono la domotica passano anche da Amazon Alexa e Google Home, compatibili con Connect e che permettono la gestione tramite comando vocale di ogni automazionedall’illuminazione alla movimentazione delle lame frangisole e delle tende a caduta. Un’evoluzione che rende ancora più semplice creare il proprio personale comfort climatico e che si abbina a speciali sensori meteo, progettati per reagire con la chiusura delle lame in caso di pioggia, neve o vento forte.

Sessant’anni di leadership nell’outdoor

Pratic è nata nel 1960 a Fagagna, in provincia di Udine. Guidata dalla famiglia Orioli – oggi dai fratelli Edi e Dino – l’azienda ha rivoluzionato il concetto di copertura solare, portando il design italiano all’interno di strutture che in passato venivano impiegate unicamente come riparo dal sole. Oggi il successo di Pratic si riscontra in ambiziosi progetti outdoor destinati al settore residenziale e dell’ospitalità collettiva. Le sue soluzioni valorizzano ogni tipologia di spazio esterno, che diventa fruibile per tutto il tempo dell’anno. Pratic impiega oltre 230 collaboratori, che operano all’interno di una sede realizzata tra le colline friulane: 20 mila mq all’insegna del design più puro e della sostenibilità ambientale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here