Italia e Slovenia unite per promuovere il turismo della memoria

La Regione Friuli Venezia Giulia e la Slovenia, attraverso i rispettivi enti di promozione turistica, hanno presentato il nuovo ed esclusivo prodotto dedicato al turismo della memoria.
L’idea di base è veicolare la storia condivisa da un territorio sul quale la Grande Guerra ha stabilito un confine che oggi, a cento anni di distanza, si vuole considerare idealmente superato. Lo slogan che accompagna i nuovi pacchetti frutto della sinergia è infatti “Unico prodotto, unico territorio” e l’obbiettivo è cogliere l’opportunità turistica fornita dal Centenario per promuovere unitariamente il turismo ispirato a questo evento allargando però la proposta agli altri aspetti che questo territorio sa regalare.
Esclusiva è la modalità di realizzazione del prodotto, che ha visto la cooperazione di operatori italiani e operatori sloveni, coordinati dai rispettivi enti istituzionali di riferimento, l’Agenzia Turismo Friuli Venezia Giulia e SPIRIT Slovenia Ente Sloveno per il Turismo, concretizzarsi in un’esperienza destinata a diventare una best practice. Gli 11 pacchetti turistici realizzati prevedono ciascuno un itinerario transfrontaliero con soggiorno in almeno due località, una in Friuli Venezia Giulia e una in Slovenia. All’interno del medesimo prodotto “Grande Guerra”, le esperienze offerte sono però molteplici. La visita di trincee e altre tracce del conflitto, musei, memoriali, località simbolo, come Gorizia e Nova Gorica, Caporetto e il Kolovrat, è sempre accompagnata da altri elementi di conoscenza del territorio, come gli scenari naturalistici e l’enogastronomia, o di approfondimento trasversale del tema, come le grandi testimonianze letterarie di Ungaretti, Saba, Slataper, e non dimenticano nemmeno i benefici delle acque termali e il piacere di un passaggio in una SPA.
La campagna di comunicazione può contare su un flyer pubblicitario in 3 lingue (italiano, sloveno, inglese) e sulla comunicazione web offerta dal portale dedicato www.itinerarigrandeguerra.it, che sarà presto completato con la versione in lingua slovena.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here