L’Europa riapre le frontiere, indecisione sui paesi sicuri

Dal 1 luglio l’Europa riapre finalmente le sue frontiere. Al momento sarebbero 14
i Paesi extraeuropei considerati sicuri dall’UE
: Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Serbia, Corea del Sud, Thailandia, Tunisia e Uruguay.
Il semaforo verde per i viaggi dal mese prossimo potrebbe riguardare quindi questi Stati, più la Cina qualora decidesse di applicare il principio della reciprocità.
L’elenco però è provvisorio perché l’Unione Europea non ha ancora raggiunto un’intesa.

I colloqui tra UE e Stati membri infatti sono tuttora in corso e andranno avanti fino a lunedì. Alcuni Paesi UE avrebbero chiesto più tempo per decidere. Lo ha reso noto l’agenzia France Presse, dopo averlo appreso da fonti diplomatiche. In particolare è aperta la questione se aprire o meno agli Stati Uniti, sulla quale la Croazia, di turno alla presidenza dell’Unione, ha chiesto un riscontro urgente con la speranza di metterla ai voti fra tutti i 27 membri prima possibile.

Pare che alcuni Stati europei preferiscano limitare la riapertura solo a chi ha una situazione sanitaria uguale o migliore dell’Europa. L’accordo sulle riaperture è comunque una raccomandazione da parte dell’Unione Europea, perché il potere di decidere spetta al governo di ciascun Paese.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here