Il Piemonte punta sul turismo esperienziale e sulle attività outdoor

Si sente dire spesso che il 2020 porterà alla rinascita dei luoghi più nascosti della Penisola e delle destinazioni che offrono maggiori opportunità di praticare attività all’aria aperta. Sarà l’anno che favorirà un turismo esperienziale con un full immersion nella natura, ma anche la scoperta di paesini, borghi, di quegli angoli più nascosti assai apprezzati e frequentati dagli stranieri, ma non sempre dagli italiani, se non abitano in zona.

Il Piemonte, per esempio, è una meta meno gettonata di altre regioni d’Italia, eppure ha tantissimo da offrire: splendide montagne, fiumi, laghi, paesaggi collinari da cartolina che non hanno nulla da invidiare a certe rinomate zone della Toscana. Offre terme, incantevoli scenari pianeggianti tra le risaie, vanta una tradizione enogastronomica d’eccellenza. Insomma, ce n’è per tutti i gusti.

Per incrementare i flussi turistici nella regione, italiani e stranieri, è nata Piemontescape, una piattaforma web finalizzata a promuove un turismo esperienziale fuori dall’ordinario, a partire da proposte di itinerari di trekking e in bicicletta. Grazie a 94 aree naturali protette, ai suoi 20.000 km di percorsi escursionistici e ciclo-escursionistici, tra cui la GTA con i suoi 900 km attraverso l’arco alpino, a 1.350 km di piste per sci alpino, fondo, snowboard, fuori pista, racchette da neve, la regione ha un altissimo potenziale di crescita in questo settore.

L’iniziativa è frutto della partnership tra Visit Piemonte, Unioncamere Piemonte e sistema camerale, Regione Piemonte e Agenzie Turistiche Locali piemontesi, riunite all’interno della cabina di regia della “Outdoor Commission”. Piemontescape è in fase iniziale, l’obiettivo è arricchirlo di nuove proposte e di un numero via via crescente di informazioni sui servizi turistici disponibili, ricettivi e non.

Piemonte Outdoor Commission è un progetto pluriennale sostenuto avviato a inizio 2019 da Unioncamere Piemonte che lo finanzia, affidato a Visit Piemonte con la partecipazione attiva di tutte le ATL (Alexala, ATL Biella Valsesia Vercelli, ATL del Cuneese, Distretto Turistico dei Laghi, Ente Turismo Langhe Monferrato e Roero, ATL della Provincia di Novara, Turismo Torino e Provincia) e delle Camere di commercio (Alessandria, Asti, Biella e Vercelli, Cuneo, Novara, Torino, Verbano Cusio Ossola).

Tra gli obiettivi, oltre a promuovere il turismo outdoor, quello di creare nuove opportunità di sviluppo montano e in zone interne, più marginali, stimolando lo sviluppo di progetti di micro-impresa locali, anche attraverso seminari di formazione e laboratori d’imprenditorialità realizzati in collaborazione con l’Università di Torino.

Il Piemonte ha stanziato 4 milioni di euro per la promozione, ai quali si aggiungono fondi per finanziare eventi e manifestazioni di grande richiamo, per il rilancio della domanda turistica attraverso i Consorzi, per potenziare l’azione svolta dalle ATL con particolare attenzione alla promozione dei prodotti turistici locali. – ha dichiarato l’Assessore alla Cultura, al Turismo e al Commercio della Regione Piemonte, Vittoria Poggio – Il turismo attivo, con la molteplicità di proposte del Piemonte, rappresenta una leva importante per la ripartenza della regione. La varietà di esperienze all’aria aperta in luoghi di prossimità permetterà vacanze slow, nella natura. Sono certa che i visitatori saranno sempre più attratti dai nostri splendidi territori, dalle colline del Monferrato e delle Langhe fino ai suggestivi paesaggi dei laghi e delle montagne”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here