La tradizione si evolve nella cantina dell’hotel Pacherhof

La recente ristrutturazione della cantina e della sala delle degustazioni dell’hotel Pacherhof, tra i vigneti di Novacella/Varna, in Alto Adige, segue la filosofia che sta alla base della sua ospitalità: far convivere l’antico e il nuovo in armonia, lasciandoli dialogare tra di loro e con il contesto.

Si parte infatti dall’antico, dalla cantina storica del 1450, per arrivare – percorrendo una scala e un tunnel – alla nuova cantina di forma trapezoidale situata al di sotto del terreno esistente.

Questa area è destinata alla produzione del vino: il viticoltore Andreas Huber coltiva su otto ettari altrettante varietà di viti a bacca bianca, che torchia nella cantina privata e commercializza in prima persona in Italia, Austria, Germania, Svizzera, Belgio, Danimarca e Stati Uniti. Anche negli interni continua il gioco di contrasti, che questa volta coinvolgono i materiali: qui la grana ruvida dell’intonaco delle pareti dialoga con l’acciaio inossidabile dei serbatoi.

A segnalare la costruzione all’esterno è la torre piramidale che emerge nel punto più alto del lotto. La torre è rivestita in pannelli di bronzo e si inserisce nel paesaggio proponendo una rilettura stilizzata e inedita delle cime delle montagne circostanti. Ospita un ufficio e una sala degustazione al piano superiore mentre al piano inferiore avviene la raccolta del vino.

Il muro in cemento che segnala l’ingresso alla torre ha due funzioni: da un lato direziona il visitatore verso il parcheggio, dall’altro accompagna la rampa che porta alla nuova cantina.

Il viaggio tra tradizione e innovazione si muove tra simboli architettonici: le botti di rovere e i serbatoi di acciaio, le antiche volte e le nuove forme dell’ampliamento ribadiscono un percorso di continuità ed evoluzione.

 

La nuova cantina dell'hotel Pacherhof
progetto
bergmeisterwolf
collaborazione architettonica
Rigoberto Arambula
cliente
famiglia Huber
luogo
Novacella (BZ)
completamento
2018
superficie utile
590 m²
fotografia
Gustav Willeit

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here