Osservatorio Bit: tendenze e previsioni per il turismo italiano

Leggi anche

Gli operatori del turismo lo sanno fin troppo bene: l’avvento della pandemia ha stravolto le regole e vanificato ogni previsione fatta a fine 2019 sui trend e sull’andamento dei viaggi per quest’anno e il prossimo futuro. Anche se nel nostro Paese l’emergenza sanitaria per fortuna è ormai alle spalle, le indicazioni temporali sulla piena ripresa del settore restano ancora un’incognita.

Nonostante ciò, l’Osservatorio di Bit 2021 – la borsa italiana del turismo che andrà in scena a Fieramilanocity dal 7 al 9 febbraio – ha comunque analizzato i dati a disposizione e sondato una selezione di destinazioni e operatori per fornire indicazioni utili e sostenere le strategie con cui gli addetti ai lavori intendono affrontare la ripresa.

Incoming, nota dolente

La perdita di turisti stranieri è di certo la nota più dolente per il turismo italiano. In base alla fonte, il decremento stimato varia dai 29 milioni (Demoskopika/Statista) ai 31 milioni (Enit). Gli esperti dicono che si tornerà ai livelli pre-Covid-19 solo nel 2023. Riguardo invece alla spesa turistica, l’Agenzia nazionale stima una perdita di circa 23 miliardi di euro. Un segnale positivo, reso noto dall’Enit, proviene dal forte interesse all’estero verso il nostro Paese: a fine maggio si contavano già oltre 754 mila menzioni online sul tema “viaggio in Italia”, che hanno prodotto 207,1 milioni di interazioni. L’Italia viene percepita sempre di più come Paese sicuro, è possibile quindi che un numero crescente di viaggiatori internazionali tornino nel nostro Paese prima del previsto. Di buon auspicio anche immagini come quelle recenti del Lago di Garda o delle località dell’Alto Adriatico affollati di turisti tedeschi.

Viaggi di prossimità e natura

Di fatto la stagione estiva 2020 si gioca tutta sul mercato domestico. Un sondaggio di Comin & Partners sul turismo degli italiani nell’estate post-Covid rivela che il 61% degli italiani non rinuncerà alle vacanze estive. Di questi, la quasi totalità (93%) sceglierà l’Italia e lo farà principalmente per timori di tipo sanitario (34%). Ma ben un 41% lo farà soprattutto per motivi economici. Tra i tipi di vacanza preferiti trionfa il mare (54%) mentre la montagna viene scelta da una schiera comparativamente minore (16%) ma è in crescita rispetto al 5% del 2019. In effetti, vacanze all’aria aperta, viaggi di prossimità, sostenibilità e natura si profilano come tendenze abbastanza certe per questa estate.

Come si stanno muovendo alcune destinazioni

Le Marche

In attesa di incrementare i flussi dall’estero (la Regione è Best in Travel secondo la Lonely Planet), le Marche puntano sugli italiani e in particolare sull’open-air. “Abbiamo iniziato una campagna sui media nazionali perché per quest’estate il mercato interno sarà quello di riferimento – racconta Claudia Lanari, funzionario di Regione Marche – con una comunicazione incentrata sul mondo outdoor, testimonial d’eccezione Vincenzo Nibali. Puntiamo a un turismo sostenibile e di prossimità, valorizzando soprattutto le tante esperienze che il territorio è in grado di offrire, come gli itinerari e percorsi legati al mondo outdoor e alla bici in particolare”.

La Puglia

Italianità e tradizioni è il binomio su cui intende fare leva la Puglia. “Proseguiamo con la strategia già avviata negli anni scorsi e basata su comunicazione, promozione, innovazione e accoglienza – spiega Nica Mastronardi, Business Development Manager di PugliaPromozione – ma rimodulata per l’impatto del Covid e in sintonia con la ‘Strategia Italia’ dell’Enit. Lavoreremo anche con i gestori aeroportuali per cercare di riattivare l’incoming sul medio-lungo raggio. Riguardo agli elementi da valorizzare, puntiamo su tutto ciò che fa Made in Italy e in particolare l’enogastronomia, dove siamo molto forti con le strade dell’olio e del vino, che propongono anche località insolite e meno battute come i piccoli borghi di charme“.

Il Piemonte

La Regioni si è attivata con un articolato piano strategico – “Riparti Turismo” – che prevede un investimento di 40 milioni di euro, per sostenere le imprese del settore e incrementare i flussi. Anche in questo caso puntando innanzitutto su natura e open-air. “Un’operazione a 360 gradi con un piano che rilancia il brand Piemonte. – afferma l’assessore al turismo Vittoria Poggio – Sono certa che i turisti saranno sempre più attratti da territori quali le colline del Monferrato e delle Langhe fino ai suggestivi paesaggi dei laghi e delle montagne. Non ci siamo dimenticati dei rifugi di montagna che rappresentano una meta ambita per tutti coloro che amano momenti di libertà e spensieratezza.”

Gli operatori: sicurezza e flessibilità

Garantire igiene e sicurezza è la priorità assoluta per gran parte degli operatori turistici, per le agenzie di viaggio, i tour operator e le strutture ricettive. Ma il cliente ha bisogno di essere tranquillizzato anche dal punto di vista economico con una maggiore flessibilità.

Nel pacchetto Alpitour “Ripartiamo”, per esempio, non c’è obbligo di versare l’acconto del 25%, è prevista la fruibilità dei voucher in tutte le società del gruppo ed è inclusa la garanzia di rimborso totale in caso di forza maggiore o impossibilità di partire. “Inoltre, diamo un sostegno alla redditività delle agenzie mediante il riconoscimento di una commissione extra dal 3% al 5% a seconda del prodotto prescelto”, precisa Pier Ezhaya, Chief Operating Officer del Gruppo Alpitour.

Una spinta all’innovazione

L’esperienza Covid ha segnato una svolta dal punto di vista dell’innovazione tecnologica e digitale nel turismo. La tecnologia è sempre più presente nelle strutture ricettive: dal web o fast check-in, ai termoscanner, alle app per promuovere, informare e comunicare con il cliente, al digital menu, sono varie le soluzioni innovative finalizzate a garantire sicurezza e distanziamento sociale. Ma l’innovazione non si limita a tutto ciò che può garantire sicurezza. Anche nella gestione, promozione e marketing, per competere molte aziende dovranno fare un salto di qualità dotandosi di software e strumenti online di ultima generazione.

Osservatorio Bit: tendenze e previsioni per il turismo italiano
- Ultima modifica: 2020-07-16T16:38:27+02:00
da Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

HD – Single Template - Ultima modifica: 2021-09-24T15:19:00+02:00 da webfactory