Réva resort amplia l’offerta ricettiva puntando sulle eccellenze del territorio

La poesia delle Langhe e del suo paesaggio segnato dai vigneti, il benessere, la cucina e l’ospitalità di alto livello sono gli elementi su cui punta il Rèva resort per alzare ancora di più il livello della sua proposta già ricca e variegata.

“Senza andare ad intaccare l’essenza di Réva e della sua offerta, da sempre vicina al territorio, vogliamo fare sempre meglio sia a livello di servizi, sia dal lato strutturale”: così Daniele Scaglia, direttore del resort, spiega la decisione di ampliare la struttura ricettiva, arricchire e diversificare quella gastronomica, creare nuovi spazi esterni per il relax.

Il progetto di sviluppo della struttura, la cui realizzazione dovrebbe essere completata entro il 2022, è curato dallo studio di architettura e di design Jean-Michel Wilmotte & Associés sulla base della forte convinzione di Miroslav Lekes, che è il proprietario di Réva.

Rispettando lo spirito del resort, il progetto rende ancora più accogliente la struttura e più ricca l’esperienza del soggiorno. Grazie al recupero delle cantine sarà creato un nuovo ristorante gastronomico guidato dallo chef pluristellato Yannick Alléno con 54 coperti tra sala e terrazza, per un totale di 162 mq, con cucina e zona di preparazione a vista. Nella struttura ci sarà uno spazio multifunzionale adibito a meeting ed eventi privati. Inoltre, si prevede la realizzazione di una nuova piscina esterna a corridoio lunga 25 m, con solarium di ampia metratura per ospitare un maggior numero di clienti. Il progetto prevede anche la costruzione di un edificio su due piani che ospiterà dieci nuove camere e suite, alcune con terrazza e altre con giardino. solarium privato e accesso diretto alla piscina.

Contemporaneamente, avverrà la creazione di una nuova reception e la trasformazione dell’attuale ristorante in bistrot. L’arredamento interno è ispirato a materiali naturali e nuances minerali, tanto nel ristorante come nelle camere, così da trovare un equilibrio armonioso con l’ambiente circostante.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here