Six Senses approda in Italia con il primo hotel nel cuore di Roma

Dopo l’ingresso a Singapore, New York e Londra, il luxury brand Six Senses – acquisito da IHG – arriva anche in Italia con il primo albergo del marchio nella capitale. L’apertura del Six Senses Rome è prevista per la fine del 2021.
L’hotel sorgerà in Piazza San Marcello, praticamente in Via del Corso, ovvero nel cuore del centro storico, a pochi isolati da Fontana di Trevi, dal Pantheon, da Piazza di Spagna e dalle note più note vie dello shopping romano.

La struttura sarà ospitata in un edificio storico, Palazzo Salviati Cesi Mellini, costruito nel XVIII secolo da Tomaso De Marchis. Nel corso dei secoli è stato residenza dei cardinali Salviati, Cesi e Mellini (da cui il nome) prima di passare alla famiglia Aldobrandini e all’Ordine dei Servi di Maria. La facciata principale, protetta dalla Soprintendenza alle belle arti e patrimonio dell’Unesco, è attualmente oggetto di un restauro conservativo che la riporterà alle suo antico splendore. Sarà conservata anche la scala centrale.

“Ho studiato cultura e arte a Firenze e mi sento a casa in Italia – ha dichiarato il Ceo, Neil Jacobs. “Questo è più di un edificio per me. È un progetto umano, motivo per cui stiamo collaborando con architetti e designer che si sentono appassionati ed entusiasti come me. Vogliamo che questo sia un luogo di armonia e connessione per i nostri ospiti, cosparso di tanto amore”.

Six Senses Rome, i dettagli del progetto

L’interior è stato affidato allo studio della rinomata designer Patricia Urquiola. Il piano terra sarà adibito a spazio per riunioni, spettacoli ed eventi. Ristorante e bar con cucina a vista condurranno a una galleria e un’area soggiorno caratterizzata da marmo travertino, rovere e bronzo. All’esterno ci sarà un giardino botanico ricco di piante che favoriscono il relax e il benessere.

I piani centrali ospiteranno camere e suite, molte con soffitti particolarmente alti. Una caratteristica fondamentale è la gamma di tipologie stravaganti, in linea con quanto prevede il brand Six Senses che ama le cose originali. Il fiore all’occhiello sarà l’ampia terrazza con vista panoramica, completa di un orto biologico di frutta e verdura per ricreare uno o due banchetti romani.

La riqualificazione è di proprietà di Orion European Real Estate Fund V, un fondo sponsorizzato da Orion Capital Managers, una società di private equity immobiliare europea.

Benessere e sostenibilità

Non poteva mancare uno spazio benessere, tratto distintivo dei Six Senses. Al primo piano dell’hotel romano saranno infatti presenti la Six Senses Spa e le terme romane, che ricopriranno un ruolo chiave nella formula di ospitalità dell’albergo. Con la sua atmosfera rilassante e il design contemporaneo, la spa ospiterà una serie di sale per trattamenti, un centro fitness e aree relax.

Il ristorante offrirà una moderna interpretazione dei sapori italiani, dell’esperienza e dell’ospitalità, seguendo l’etica Six Senses che prevede l’uso di ingredienti naturali, locali e sostenibili e del “less is more”. I menu stagionali si baseranno sui prodotti raccolti nell’orto/giardino dell’hotel, abbinati ad amari, tonici e tinture fatti in casa.

Inoltre, gli ospiti potranno imparare a sfruttare il vero potere di erbe, piante e ingredienti locali presso l’Alchemy Bar in un ambiente privato o di gruppo, o saperne di più sulla sostenibilità presso l’Earth Lab.

Un secondo resort in Umbria

L’apertura romana non sarà l’unica in Italia. Six Senses ha infatti in programma anche la realizzazione di un resort in Umbria, la cui apertura è prevista per il 2023. Si tratta di una struttura ubicata in un antico castello, con un’offerta di 71 camere più 79 ville e appartamenti, l’immancabile Spa, un campo da golf da 18 buche, una scuola di cucina e una fattoria con prodotti bio.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here