Decreto rilancio: agevolazioni per il servizio all’aperto di bar e ristoranti

Il decreto rilancio ha previsto agevolazioni per i locali pubblici, come bar e ristoranti, che si vedono costretti ad ampliare il servizio all’esterno.

Ieri, 22 maggio, l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani ha condiviso con il MIbact, Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, una nota di indirizzo con le modalità operative che riguardano l’esenzione per i pubblici esercizi dal pagamento della tassa e del canone relativi all’occupazione di spazi e aree pubbliche dal 1 maggio al 31 ottobre di quest’anno.

Nel documento si parla anche delle procedure semplificate per l’autorizzazione alla posa di strutture amovibili per la ristorazione come i dehors, pedane, tavolini, sedute, ombrelloni, attrezzature e altri elementi di arredo urbano, così come previsto dal DL Rilancio per favorire la ripresa delle attività legate al turismo.

In particolare, la nota sottolinea come – essendo temporanei e finalizzati a garantire la sicurezza alla clientela – per questi interventi, in base alle disposizioni del DL Rilancio, non sia necessaria l’autorizzazione da parte delle Soprintendenze per l’esecuzione di lavori su beni culturali e l’autorizzazione paesaggistica.

Clicca qui sotto per scaricare il documento integrale:
ANCI – Nota d’indirizzo articolo 181 DL 34 2020-1

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here