Mibact: musei e siti culturali aperti più una nuova campagna social

Prosegue il ripristino degli accessi ai musei e ai parchi archeologici da parte del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo. Al momento sono all’incirca 200 i luoghi della cultura statali che hanno riaperto al pubblico. Un segnale importante anche per la ripartenza del comparto turistico ricettivo del nostro Paese.

Orari e modalità di apertura sono disponibili sui siti internet dei singoli istituti culturali, mentre a questo link del MIbact è possibile ricercare musei e siti culturali che sono essere accessibili al pubblico.

Dal 5 giugno si possono visitare di nuovo Palazzo Ducale a Mantova, Palazzo Besta a Teglio, i musei Preistorico e Archeologico della Valle Camonica, la Cappella Espiatoria di Monza. Domani è prevista la riapertura di Villa del Colle del Cardinale e Castello Bufalini a San Giustino in provincia di Perugia.
Lunedì 8 giugno sarà invece la volta degli Archivi di Stato di Belluno, Treviso, Como e Reggio Calabria.

Un invito a visitare i musei, in sicurezza

#lemascherinelascianoliberigliocchi
è la nuova campagna lanciata dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo sui profili social. Un invito 
a  visitare i musei italiani ripartendo dalla bellezza in sicurezzaL’iniziativa prende spunto dalla dichiarazione del 2 giugno di Dario Franceschini, in occasione della riapertura della mostra dedicata a Raffaello Sanzio allestita alle Scuderie del Quirinale.

In occasione dell’evento, infatti, il ministro ha parlato degli sguardi intensi di personaggi ritratti nelle opere dello stesso pittore urbinate, di Leonardo da Vinci, Jacopo de’ Barbari e Sandro Botticelli, di quelli enigmatici della Maschera dalla Casa del Bracciale d’Oro degli Scavi di Pompei e degli occhi udjat conservati al Museo Archeologico Nazionale di Napoli (nella foto) si rivolgono, insieme ad altri, allo spettatore invitandolo a tornare a ammirare la bellezza.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here