Turismo, crescono i pagamenti elettronici, ma non dagli stranieri

La rivoluzione digitale è di certo tra i fenomeni più eclatanti innescati dalla pandemia e ovviamente coinvolge anche gli operatori del turismo e della ricettività che registrano un incremento dei pagamenti elettronici. Lo confermano anche i dati dell’Osservatorio di SumUp, società specializzata in lettori di carte portatili e soluzioni di pagamento per le piccole e medie imprese e i piccoli commercianti. Secondo i dati SumUp, il mondo hospitality (hotel, b&b, agriturismi ecc.) e turistico più in generale (guide, agenzie di viaggio, organizzatori di tour ecc.), ha registrato un costante aumento delle transazioni digitali a partire dal 18 maggio.

In particolare, il comparto Tourism ha segnato una crescita di transazioni del +212% nella settimana 18-24 maggio: con l’inizio della cosiddetta Fase 2 bis, c’è stato da subito interesse nella ripartenza con nuove prenotazioni e pagamenti sicuri. Il trend è rimasto solido, toccando un +132% di transazioni settimana su settimana nel periodo 1-7 giugno ed un +76% nel periodo 15-21 giugno.

 

 

Per quanto riguarda il settore dell’ospitalità, invece, il trend è più contenuto, ma comunque costantemente positivo: oltre al 62% di transazioni registrato nella settimana del 18 maggio, SumUp rivela un +59% nella settimana del 1 giugno e un +40% in quella del 22 giugno.

“In questa fase così delicata, i pagamenti digitali stanno offrendo una sicurezza in più ai turisti intenzionati a godere della bellezza del nostro Paese, poiché anche i pagamenti di piccole cifre possono avvenire senza contatto e senza scambio di contanti”, spiega Umberto Zola, Country Growth Lead Italia di SumUp. “Senza dubbio il settore sta pagando le ripercussioni economiche dovute alla crisi associata al Covid-19, che da marzo ha azzerato totalmente i flussi turistici proprio nel periodo di apertura della stagione. Analizzando il valore del transato, da marzo 2020 ad oggi si registra un fatturato pari al -45% rispetto a quello del 2019 nello stesso periodo”.

L’intero comparto però mostra segni di ripresa sempre più significativi, anche grazie agli italiani che stanno scegliendo di rilanciare il turismo locale e i piccoli imprenditori del settore: se nel 2019 lo split dei pagamenti nel settore turistico in Italia vedeva un 69% di carte italiane contro un 23% di carte straniere, oggi -, confrontando lo stesso periodo di riferimento –  si osserva il dominante 96% di carte italiane, contro il 4% di carte straniere.

“Resta evidente – prosegue Zola – che in questo momento i lettori di carte possono fare la differenza, fungendo da driver per il turismo e rappresentando un elemento decisivo nel mettere in sicurezza gli ambienti e rassicurare i turisti. Secondo l’Istat l’Italia, nonostante si autopercepisca come fanalino di coda in materia di e-payment, si colloca al primo posto in Europa per quota di esercizi ricettivi sul totale UE, pari a più del 30% nel 2018.

Ormai i turisti, italiani e stranieri, si aspettano di poter pagare ovunque con la moneta elettronica. “Soluzioni come i lettori di carte di SumUp– conclude Zola -stanno permettendo a chiunque ed ovunque, dalla guida turistica in città al B&B in campagna di adottare pagamenti elettronici, velocizzando le operazioni di cassa, garantendo il rispetto delle distanze interpersonali ed evitando lo scambio di cartamoneta”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here