Un giovane team di operatori turistici lancia i Sicilia Bond

La spiaggia di Cefalù, in SiciliaL’idea dei bond turistici non è una novità. Già agli esordi della pandemia oltreoceano un’agenzia di New York li aveva lanciati con la formula “Buy now, stay later” proprio per compensare l’improvviso crollo delle prenotazioni dovuto al blocco dei viaggi e fornire un po’ di liquidità alle imprese ricettive. L’iniziativa è stata poi emulata da varie compagnie alberghiere, ma anche da singoli hotel. In Italia, per esempio, li propongono sia l’Hotel Brunelleschi di Firenze che Ospitalità Bonotto a Desenzano del Garda.

Ora un gruppo di giovani siciliani, imprenditori ed esperti di turismo esperienziale, con la rete d’impresa ViaggiareinTasca lancia i Sicilia bond, progetto che sarà esteso a tutta l’isola e ha l’obiettivo di incrementare l’occupazione delle strutture extra-alberghiere, B&B, case vacanze e ville, ma anche di destagionalizzare i flussi turistici in Sicilia.

Si tratta di titoli di soggiorno, diversificati in base alla zona e per fascia di prezzo, che saranno immessi sul mercato a partire dall’autunno 2020. Una formula che permette al turista di assicurarsi, a condizioni vantaggiose, una vacanza settimanale doppia in Sicilia per tre anni consecutivi. In sostanza questi bond prevedono l’acquisto di un soggiorno di una settimana in alta stagione cui viene abbinata una seconda settimana di vacanza nella stessa struttura in un periodo di bassa stagione, il tutto per tre anni di seguito.

L’aspetto innovativo di questa formula è che trattandosi di titoli al portatore, chi li acquista li può regalare oppure vendere, anche dopo aver già usufruito della prima settimana che gli spetta. Acquistando i Sicilia bond in sostanza si investe in una vacanza distribuita su tre anni, con sei settimane di soggiorno in totale a disposizione, da utilizzare due settimane l’anno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here