Un polo ricettivo trasversale alle porte di Bergamo

Si chiama Life Source ed è una struttura polifunzionale che promette all’ospite un’esperienza immersiva, fondendosi in modo armonioso con l’habitat circostante e proponendo soluzioni architettoniche ed ingegneristiche rispettose della natura. Tre le leve su cui punta: l’ospitalità, affidata al Life Hotel, la cultura del buon cibo, espressa da Life Source Food Experience – ristorante gourmet Le Terre, bistrot Onda e rooftop Atmosfere – e la salute, con lo spazio MediSPA. Tutto questo, alle porte di Bergamo.

Venti metri di altezza, 4 piani, 126 camere tra Standard, Superior, Deluxe, Suite e Appartamenti, 5 sale per riunioni e meeting da 20 a 100 partecipanti, 3 aree food, un suggestivo roof di 800 mq affacciato sullo skyline di Città Alta, un polmone verde di oltre 5900 mq ed un ampio parcheggio per 120 posti auto. Sono questi i numeri di Life Source, la cui struttura e design sono stati studiati e realizzati nel nome del basso impatto ambientale, della perfetta fusione con il contesto circostante e della sostenibilità, complici scelte architettoniche, ingegneristiche e d’interior design mirate.

Certificato LEED Gold, l’edificio che ospita il polo è realizzato in vasca bianca di 4100 mq in pianta al piano – 1 e ulteriori 500 mq al – 2 così da mantenere l’acqua di falda presente ad un metro e mezzo di profondità. Molte le soluzioni mirate alla sostenibilità, come l’impianto fotovoltaico da 69KW – estendibile a 150 KW – posto nell’area parcheggio, con 14 colonnine per la ricarica delle auto elettriche; l’impianto elettrico smart per la gestione digitale dell’energia dell’intera struttura, in grado di contribuire alle prescrizioni LEED in tema di automazione e monitoraggio dei consumi energetici; la facciata continua a montanti traversi di alluminio rinforzato in grado di garantire un isolamento acustico di 49 decibel e un isolamento termico pari a 0,82 W/mqk; una facciata ventilata con effetto legno in grado di ottimizzare l’isolamento termico attraverso l’uso di una lastra ceramica altamente tecnica; un impianto di condizionamento di tipo misto, in parte idronico e in parte a tecnologia VRF; soluzioni domotiche e scambiatori termici per il recupero dell’aria primaria e il suo ricambio costante, come richiesto dalle disposizioni della normativa Covid.

L’attitudine eco di Life Source si legge inoltre nelle camere del Life Hotel, a partire dai dettagli evocativi: in ogni stanza si trova infatti una immagine inedita ritraente i 4 ecosistemi del pianeta Terra (i ghiacci, il mare, la foresta e la savana) realizzata da un fotografo specializzato in scatti Wild Life, come a voler sottolineare il valore della natura per il benessere dell’uomo.

Anche i fattori innovazione e design sono primari nella struttura: lo si comprende posando lo sguardo sulla parte frontale dell’edificio, dove a spiccare è un “aggetto” strutturalmente sostenuto da un sistema ad arco e posteso, da cui sgorga la tenda d’acqua più grande d’Italia, con funzione decorativa – vi si possono proiettare immagini e testi – e di riservatezza per l’accesso degli ospiti. A confermare che l’acqua è tra gli elementi distintivi dei Life Source è anche la cascata presente nella Hall che avvolge in un simbolico abbraccio la scala circolare che collega 3 piani della struttura, creando un effetto scenico sorprendente.

A completare l’offerta i tre ristoranti, che invitano l’ospite ad intraprendere un simbolico viaggio nel gusto, e MediSPA, l’area riservata ed intima posta al piano semi-interrato in cui trovano spazio una piscina di 120 mq di classe C (utilizzabile anche per la riabilitazione e per circuiti di idrokinesiterapia) con un’ampia porzione dedicata all’idromassaggio, una sauna nordica e un bagno turco, una palestra di 80 mq e 2 cabine riservate a trattamenti estetici.

Il contributo di Mitsubishi Electric

Nella struttura è stata installata l’intera gamma dei prodotti di Mitsubishi Electric: sistemi a espansione diretta e idronici, un “unicum” a livello nazionale. Life Source vanta un impianto in pompa di calore a espansione diretta a volume di refrigerante variabile (VRF) a servizio delle camere. Questo per sfruttare al massimo la principale caratteristica di questo sistema, ovvero la velocità di messa a regime, un aspetto fondamentale negli alloggi. Le parti comuni della struttura invece, sono servite da unità idroniche “polivalenti” in pompa di calore, capaci di produrre in maniera contemporanea e indipendente, energia termica ed energia frigorifera che vengono, a loro volta, distribuite nei singoli ambienti grazie a una serie di ventilconvettori idronici. Nel “dna” delle polivalenti c’è proprio la possibilità di poter sopperire a carichi opposti e contemporanei, tipici delle zone comuni. Una parte dell’energia termica prodotta dalle unità polivalenti serve, a sua volta, ad alimentare (come lato sorgente) delle pompe di calore acqua-acqua ad altissima temperatura al servizio della spa e della piscina. Questo per avere la possibilità di poter produrre, eventualmente e in particolari situazioni, acqua calda fino a 78°C. La qualità dell’aria, il suo ricambio e il suo rinnovo sono invece affidati a una serie di unità di trattamento d’aria dotate di recuperatore di calore a flussi incrociati, dotate dei più sofisticati ed efficienti sistemi di filtrazione presenti sul mercato per garantire la massima salubrità all’interno di tutta la struttura. A servizio dell’intero impianto di climatizzazione è stato poi installato il sistema di gestione e di supervisione Clima Pro che ottimizza l’inserimento delle singole macchine in funzione delle richieste dell’edificio. “Siamo davvero orgogliosi di aver contribuito alla realizzazione di un ambiente allo stato dell’arte per l’innovativo Life Source poiché si tratta di una struttura di altissima qualità completamente green focalizzata sulla regolazione dell’energia e del calore all’insegna della massima efficienza. Il polo ricettivo ha infatti ottenuto la certificazione Leed Gold e questo è stato possibile, tra gli altri fattori, anche grazie alle caratteristiche di efficienza ed elevata qualità dell’impianto di climatizzazione”, ha dichiarato Fabrizio Maja, Division Manager Mitsubishi Electric Divisione Climatizzazione. [/su_box]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here