Turismo: alla scoperta del Bel Paese pedalando in bicicletta

Un gruppo di persone in biciclettaNei prossimi mesi l’offerta turistica punterà molto sulle attività outdoor, non solo per motivi di sicurezza. Dopo mesi di clausura forzata il desiderio di aria, di sole, di natura si è fatto spasmodico.

Tra le attività en plein air di grande attrattiva rientrano di certo i giri in bicicletta. Da tempo in voga, quest’anno lo saranno ancora di più, complice anche l’incentivo per l’acquisto delle bike, elettriche e non. Gli appassionati, quelli seri che praticano ciclismo tutto l’anno, rappresentano un target interessante per molti operatori turistici. Non è un caso che alberghi e destinazioni si siano specializzati in questo settore. Un esempio emblematico di quanto faccia gola, anche l’ultimo spot pubblicitario delle Marche che per promuoversi al mondo del ciclismo amatoriale ha reclutato come testimonial nientepopodimeno che un campione della bici su strada come Vincenzo Nibali.

La bicicletta è per tutti

Ma il fascino della bicicletta ha molte sfaccettature, non tocca solo chi macina chilometri in sella e dure salite tutto l’anno, spendendo svariate migliaia di euro tra bici, accessori e abbigliamento. Non è necessario essere dei professionisti. Ognuno può dosare chilometri e pendenze come preferisce. La bicicletta è un mezzo ecosostenibile alla portata di tutti; da quando sono state messe sul mercato le e-bike, poi, lo è ancora di più. In bicicletta si possono percorrere itinerari incantevoli.

Molte le destinazioni italiane che offrono una fitta rete di piste ciclabili. In Val Pusteria, per citarne una, c’è l’imbarazzo della scelta. La Dobbiaco-Lienz (in Austria) è assai battuta dalle famiglie con bambini, anche molto piccoli, grazie all’opportunità di rientrare in treno. Ma si trovano itinerari in bicicletta quasi in ovunque, in Piemonte, Toscana (nel Senese, in Maremma), in Emilia-Romagna, nelle Marche, Umbria… persino in Lombardia ce ne sono di splendidi, lungo i Navigli, nel lodigiano, nel pavese… E speriamo che anche le nostre belle città si riempiano sempre di più di piste ciclabili, in un’ottica di sviluppo ecosostenibile, come ci è stato promesso da chi ci governa e dall’Europa.

Una grande opportunità per gli hotel

Sono sempre di più gli alberghi che nella loro offerta includono proposte di tour in bicicletta, con vari livelli di difficoltà. Molti hotel si sono dotati di un parco bici, anche elettriche, per metterli a disposizione della clientela; altri invece hanno stipulato convenzioni con chi le noleggia in zona.
Tra le compagnie alberghiere che hanno deciso di puntare sul fascino delle due ruote, Gruppo UNA offre agli ospiti l’opportunità di scoprire le bellezze della Penisola pedalando nei dintorni dei suoi alberghi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here